4 Aprile, 2020

Libri merdavigliosi

‘Libri merdavigliosi’ esplora le eccezioni meritevoli dell’enorme sottobosco letterario dei libri di influencer, cantanti, attori, youtuber, calciatori, personaggi trash… Queste opere di consumo godono di tirature enormi (prima di finire per sempre al macero o nelle bancarelle dell’usato) e segnano la storia del costume. Le recensioni, quindi, non possono che contestualizzare il libro, o il personaggio su cui è centrato, nel panorama della cultura di massa. Non andiamo alla ricerca di un interesse strettamente “letterario” in una improbabile selezione dei libri “migliori” o meglio scritti ma di quelli più interessanti in relazione a quanto scritto sopra. Lontano da noi l’intento di metterli all’indice e bacchettare i loro lettori che anzi coltivano nel leggerli una sorta di “guilty pleasure”

La scrittura al tempo dei social

Per inaugurare la nuova rubrica "Libri Merdavigliosi", si propone un libro che rientra subito fra le eccezioni meritevoli. Se l’era dei social network ha...
ajax-loader