26 Settembre, 2021

Roberto Michilli / Legami marini e terrestri

Roberto Michilli, La sirena dei mari freddi, DiFelice Edizioni, pp. 141, euro 18,00 stampa

La sirena dei mari freddi è un libro di grande respiro letterario, una fedele e colta inclinazione all’autenticità della comunicazione, diffusa con capacità descrittiva sapiente e con appassionata struttura letteraria suggestiva e coinvolgente. L’autore, già affermato traduttore dei grandi romanzi classici della letteratura, prende a pretesto nel titolo del libro un noto verso di una poesia di Eugenio Montale per comporre la qualità salvifica e l’occasione evocativa della presenza femminile, per raccontare l’essenza della seduzione e il fascino dell’incontro tra i protagonisti. L’accordo ammaliante della relazione amalgama lo slancio improvviso e inafferrabile della vitalità con la consapevolezza errante della condizione umana.

Il romanzo proietta il valore emblematico della solidarietà nobilitandolo in una reale dimensione etica, associandolo alla concretezza del sostegno per superare l’angoscia delle difficoltà e il trauma del dolore in cui è immersa la figura di Luciana, per assistere la disperazione esistenziale tramite la figura rassicurante di un professore. Luciana, persona disillusa, scoraggiata e ferita da sofferenze spirituali e materiali, abbandonata alla malinconia, e il professore persuasivo e magnetico, conosciuto negli incroci della fatalità come un disegno inaspettato della buona sorte, riempiono lo scenario della storia: intrecciano la reciprocità della gentilezza, interpretano una corrispondenza poetica d’intenti e di partecipazione con scrupolosa tenacia psicologica, scomponendo l’instabilità imprevedibile del destino.

L’autore rivela l’energia provvidenziale delle parole, percorre in ogni conversazione la nobile condivisione dell’esistenza, sostenendo la determinante protezione affettiva e concreta, il dialogo dell’intimità, il mistero dello sconforto che unisce e affranca il presentimento della solitudine. La trama accoglie la direzione dei pensieri sfiorati, sospesi nel non-luogo della silente ricchezza introspettiva, nell’urgenza sensibile di ospitare la tenerezza e nella generosa possibilità di donare il bene. Il mondo trattato dall’autore è la testimonianza di una rinascita emotiva, di un rinnovamento interiore, tramanda l’eredità consegnata all’esperienza, alla purezza della comprensione premurosa, affida all’indulgenza la formazione dell’identità e il cammino libero della vita. La saggezza espressiva del romanzo decifra la speranza della vicinanza, traduce il comune desiderio di riconoscersi oltre l’asimmetria dell’amore, il confronto strategico, la giustificazione di un riscatto. La persistenza delle dichiarazioni di dedizione accomuna l’intenzione positiva dell’atmosfera narrativa, il senso di appartenenza nell’osservazione quotidiana del legame alternando il confine delle aspettative oltre ogni vincolo terreno.

Michilli accetta la sfida di viaggiare intorno alla passione, lungo la strada battuta dal selciato di sentimenti profondi, difende e riafferma la spinta vitale, la naturale convinzione degli ideali e delle aspirazioni, la facoltà di apprendere e percepire gli stati d’animo dei personaggi.  La sirena dei mari freddi rivela una volontà d’amore e la reciproca esclusività nell’attesa romantica e letteraria di uno scambio affettivo. Discioglie l’intensità intorno al tempo e alla sua successione, indugiando sul percorso azzardato delle occasioni, attraversa l’armonia del linguaggio, la fascinazione nella quale riconoscersi dilatando la sinuosità del calore umano. La sincerità disarmante del cuore conduce la coscienza della verità, fino alla fine, oltre le pagine, in una confessione ammessa al coerente vissuto, nell’abisso misterioso della disposizione inconscia, avvince e rende complice la superficie della compassione. La disponibile solidità riserva il modo di tenere uniti i protagonisti, l’adesione verso il prossimo custodisce l’invisibile impegno contro i tentacoli della realtà, dedicando l’eternità nella delicatezza di una carezza sull’anima.