7 Agosto, 2020

Yael Artom

3 ARTICOLI

Storia di una giovane ballerina, ingenua e soprattutto una straniera

In una Londra degli inizi del Ventesimo secolo, la...

L’universo di Gormenghast

Il castello è il vero protagonista della saga di...

Gli ultimi fra gli ultimi

Erano gli anni Sessanta, quando un giovane e coraggioso Stoppard rappresentava la sua pièce basata su un capolavoro ritenuto quasi intoccabile, e in puro spirito sessantottino l’autore spiega come la sua opera sia poco definibile e non definitiva, e come non debba essere presa troppo sul serio. Nell’interessante nota che precede il testo nell’edizione di Sellerio, Stoppard racconta come gli allestimenti da lui diretti cambiassero a seconda del contesto, come non ce ne fosse uno uguale all’altro, e incoraggia una libertà quasi anarchica di regia.