22 Settembre, 2021

Yael Artom

8 ARTICOLI

Ali Smith / Le stagioni britanniche

È affascinante leggere un romanzo che si svolge nella...

Tomas Downey / La realtà nella mente

Le raccolte di racconti sono impopolari tra molti editori...

James Gordon Farrell e la fine delle Colonie

Walter Blackett è uno scaltro uomo d’affari britannico che...

Murakami on the Beach

Coloro che hanno già letto le opere di Haruki...

Le radici incerte

Rebecca Schwart o forse Schward nasce nel 1936 negli...

Storia di una giovane ballerina, ingenua e soprattutto una straniera

In una Londra degli inizi del Ventesimo secolo, la...

L’universo di Gormenghast

Il castello è il vero protagonista della saga di...

Gli ultimi fra gli ultimi

Erano gli anni Sessanta, quando un giovane e coraggioso Stoppard rappresentava la sua pièce basata su un capolavoro ritenuto quasi intoccabile, e in puro spirito sessantottino l’autore spiega come la sua opera sia poco definibile e non definitiva, e come non debba essere presa troppo sul serio. Nell’interessante nota che precede il testo nell’edizione di Sellerio, Stoppard racconta come gli allestimenti da lui diretti cambiassero a seconda del contesto, come non ce ne fosse uno uguale all’altro, e incoraggia una libertà quasi anarchica di regia.