2 Luglio, 2020

Filosofie dell’India. Un’antologia fondamentale

(a cura di), Filosofie dell’India. Un’antologia di testi, pp. 400, Carocci, euro 35,00 stampa

Un intero continente e la sua storia filosofica millenaria è conosciuto dal grande pubblico attraverso alcune pubblicazioni poco attendibili o che sono cadute in errori di impostazione difficili da rimuovere. La conoscenza del pensiero indiano, per quanto riguarda l’Italia, è appannaggio di pochissimi addetti ai lavori.

Certo, abbiamo avuto , un vero e proprio pioniere di questi studi in Italia. Tucci ci ha lasciato, tra le altre cose, una Storia della (Laterza, 1957) che ancora oggi è valida, chiara e di ampio respiro. Ma è chiaro che necessiterebbe un aggiornamento ai più recenti studi, dato che ha ormai più di sessant’anni. Successivamente sono uscite alcune opere, spesso non tradotte in italiano (ma anche opere come La indiana di pubblicata nel 1976 da Vallardi), che hanno approfondito lo studio della fino ad arrivare al testo di Il pensiero dell’India. Un’introduzione, uscito nel 2008 per Carocci, il compendio oggi più aggiornato e preciso sull’argomento.

Filosofie dell’India. Un’antologia di testi è un passo ulteriore e importante per l’impostazione di uno studio approfondito e serio di un pensiero assolutamente straordinario e di eccezionale potenza.

L’errore più grande in cui è caduto chi si è occupato del pensiero indiano prima di Tucci, è stato di subordinarlo alla dimensione religiosa, creando confusione da un lato e dall’altro togliendo luce al contributo di altissima intensità che il pensiero indiano ha offerto alla storia della . È molto probabile che in questa tendenza abbia pesato la posizione di Hegel, per il quale l’inizio della fosse da ritrovare unicamente presso i Greci. Hegel, come Husserl un secolo dopo, videro nella indiana un ibrido ancora mescolato alla religione. Secondo Sferra invece “la indiana ha affrontato questioni relative ai più vari ambiti filosofici con una profondità e una precisione di analisi rimaste a volte ineguagliate”.

La situazione sulla conoscenza italiana delle opere filosofiche indiane è evidente dal fatto che dei dodici testi, solo due godevano di una traduzione integrale. Se ciò da un lato ribadisce la lunga strada che lo studio di questo pensiero deve ancora percorrere, dall’altro sottolinea la grande importanza di questo libro. , tra i più apprezzati indologi italiani, allievo di , ha realizzato, con i suoi collaboratori, un’antologia fondamentale per lo studio della filosofia indiana e che si aggiunge come appendice indispensabile ai libri di Tucci e Torella.

Il volume raccoglie dodici testi che vanno dal I secolo fino al XVI secolo dopo Cristo raggruppati in tre aree: ontologia e teoria della conoscenza, filosofia del linguaggio, etica ed estetica. È da tenere presente però che si tratta di testi integrati del commento di filosofi successivi.

Si va dai Vaiśeṣikasūtra di Kaṇāda (“Gli aforismi Vaiśeṣika”) a cura di Francesco Sferra alla Tarkabhāṣā (“Manuale di logica”) di Keśavamiśra a cura di e Francesco Sferra, dalle Sāṅkhyakārikā di Īśvarakṛṣṇa con il commento di Gauḍapadā a cura di al Pūrvamīmāṃsāsūtra di Jaimini con il commento di Śabara a cura di , dalla Pramāṇāntarabhāvaparīkṣā (“Disamina dell’esistenza di altri mezzi di conoscenza”) di Śāntarakṣita con il commento di Kamalaśīla a cura di Francesco Sferra alla Śabdabrahmaparīkṣā (“Disamina del Brahman-Parola”) di Śāntarakṣita con il commento di Kamalaśīla cura di Paolo Giunta, dalle Nādakārikā (“Le strofe sul Suono”) di Rāmakaṇtha con il commento di Agoraśiva a cura di Francesco Sferra al Vedārtasaṅgraha (“Compendio del significato dei Veda”) di Rāmānuja a cura di , dal Bhagavadgītābhāṣya di Śaṅkara a cura di Saverio Marchignoli alla Yuktidīpikā ad Sāṅkhyakārikā (“Illustrazione del ragionamento”) a cura di Saverio Marchignoli, dal Brahmasūtrabhāṣya (“Aforismi sull’Assoluto”) di Śaṅkara a cura di al Bhaktirasāmṛtasindhu di Rūpa Gosvāmin a cura di Saverio Marchignoli.

Chi leggerà il volume scoprirà come il pensiero indiano sia riuscito a indagare i problemi filosofici con ampiezza, profondità e precisione paragonabili a quello occidentale, segnalandosi per una fortissima modernità. L’India non si è chiesta ostinatamente “cosa” fossero le cose, bensì ha indagato il “come”. Ma oltre a questa impostazione fondamentale è anche nei risultati ottenuti negli ambiti specifici che si possono rilevare passi sorprendenti. Penso, per esempio, alla logica e alla filosofia del linguaggio, l’ontologia e l’epistemologia, l’etica, l’estetica e l’onirocritica. Quest’ultima, l’analisi filosofica del sogno, come ricorda giustamente Giuliano Boccali su Il Sole 24 ore, individua come solo in esso sia possibile scorgere la svayamprakāśatva (“autoluminosità”) del Sé profondo (ātman). Credo che possa bastare questo esempio per suggerire la preziosità, l’importanza e la varietà della filosofia indiana, ottimamente antologizzata, introdotta e commentata in questo volume.

Ultime recensioni

Un meta-testo per Solaris

Un’impresa che alla sola idea fa tremare i polsi: scrivere un sequel di Solaris,...

Tradimento e condivisione fra padre e figlio

Con il suo ultimo romanzo, I colpevoli Andrea Pomella indaga sul rapporto tra un...

Parole come varchi: sulla soglia del mondo...

Chi studia il mito conosce il segreto del farsi soglia, del lasciarsi attraversare dal...