4 Luglio, 2020

Meglio star zitti? No.

, Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro, Mondadori, pp. 528, euro15,00 stampa, euro 7,99 epub

Raboni poeta, Raboni traduttore di Proust e Baudelaire. E Raboni autore di stroncature. Dunque gli scrittori del Novecento trovano nelle sue pagine qualcosa su cui meditare. Se almeno non fossero morti. Ma il gusto garbato, e sempre sottile, degli articoli attrezza concretamente l’ingegno del lettore, soprattutto di chi si trova in disaccordo. Apre i rubinetti del dubbio, del ripensamento, e di qualche gentile sfacciataggine da presentare ad amici e confidenti. Qui non si fanno nomi, in quarant’anni è ineluttabile che se ne raccolgano moltissimi, e che non bisogna sorprendersi se i più siano considerati, a torto o a ragione, grandi scrittori.

La ronzante sciocchezza del plauso a tutti i costi non trova spazio nel lavoro di Raboni quando provava a spiegare le sue ragioni, le sue condanne riguardanti il consumismo letterario. Lui non cercava la rissa, anche se questa “diverte”, diceva allegramente Manganelli, e “piace”. Di fronte all’appiattimento critico, ancora più strabocchevole negli anni successivi, il giudizio negativo e l’encomiabile segnalazione delle porcherie, evitando l’influenza del nome, non resta che l’argomento esatto del giudizio, evitando sfavillanti ma sbrigative sentenze.

In giornali, riviste e quotidiani, Raboni si occupa di tutto: poesia, narrativa, teatro, costume, e altro ancora, sguinzagliando con rapidità motivazioni etiche e considerazioni strutturali sull’oggetto preso in esame. Rasentando talvolta la satira, il motto di spirito, sa convincere quanto sia meglio non tacere la propria discordanza di fronte a un’opera mediocre benché universalmente osannata. Era capace di divertire, contrastando “l’aria che tira”, anno dopo anno sempre più maleodorante. I climi, il più delle volte, non erano adatti al respiro circospetto della lettura di Raboni, sempre libero da superficiali cautele. Ossessioni e psicologie fantastiche gli ritornavano indietro ogni qual volta tentava di definirne l’ipotizzata (da altri) qualità.

D’accordo o meno si sia con lui, certo non sfugge che ancora oggi la grande maggioranza di queste pagine contenga una chiarezza decisa e invidiabile. Dall’apprendistato nella rivista Aut aut di agli articoli in giornali e settimanali di grande tiratura, lo sviluppo dell’attività pubblicistica è sempre più testimonianza di dissenso e notifica dei difetti di cui sono piene le nuove debolissime “vocazioni” letterarie. Non senza redigere costanti smascheramenti diretti a certi “intoccabili” del canone corrente. In lui riconsiderare un’opera, seguendo l’evoluzione vitale e epocale, è una costante imprescindibile. Per questo il credito in corso può avere l’attenzione di ripensamenti personali e collettivi.

L’interpretazione critica di Raboni, a ben vedere, segue da vicino il costante lavoro poetico, basti rileggersi la fenomenale raccolta A tanto caro sangue (1988): l’autore riprende i vecchi versi riversandoli in un libro tutto nuovo, dove prende campo un’accresciuta lucidità d’intenti e un “proustiano” compendio d’amore verbale e rilettura dell’esistenza. Il romanzo dei versi presuppone, con la sua costruzione a posteriori, un perenne movimento critico, oltre che dell’anima (come scriveva nel risvolto il compianto ). La sprezzatura non è necessariamente distacco, ma la ripresa garbata – anche se spietata – di un discorso che si può seguire in tutti gli interventi che oggi qui rileggiamo. Critica e poesia in Raboni si sono sempre esposte, per nostra fortuna, senza farsi colonizzare da ideologie di seconda mano e soprattutto evitando la mezza voce d’altri.

Ultime recensioni

Il progresso e l’incancellabile hybris umana

La collana Parole Controtempo dell’editore Il Mulino Editore porta avanti una riflessione su termini...

Woody Allen? Dove eravamo rimasti?

Avete presente un tipico film di Woody Allen? Trama scoppiettante, battute memorabili, penetranti riflessioni...

Un meta-testo per Solaris

Un’impresa che alla sola idea fa tremare i polsi: scrivere un sequel di Solaris,...