11 Luglio, 2020

Naufraghi d’amore tra le onde del mito

, Il d’amore. Eros, tempeste e naufragi nella Grecia antica, Laterza, pp. 271, euro 18,00 stampa, euro 10,99 epub

“Give me a storm!” – Dammi una tempesta!, imploravano i poeti inglesi nel Seicento, invocando lo scatenarsi delle passioni; al contrario, sopraffatti dalla potenza di certe tempeste, i greci vagheggiavano la bonaccia e pregavano affinché la furia dei venti amorosi fosse placata. Ne scrive in un denso studio , docente di Letteratura greca, intitolato Il d’amore. Eros, tempeste e naufragi nella Grecia antica, recentemente pubblicato da Laterza, un saggio vivace il cui autore riesce, attraverso la pregnanza delle argomentazioni addotte, a riscattare dalla banalità un topos letterario tradizionalmente considerato tanto convenzionale da risultare spesso stucchevole.

Nella prima parte del volume, dedicata al legame tra Afrodite e l’acqua, Ieranò ne sviscera sacralità e insidie, racconta la nascita della dea di Cipro e arcane storie di marinai, miracoli e prostitute. E se la letteratura ellenistica offre molteplici esempi della ricorrenza di questo tema, lo studioso ne sottolinea l’ascendenza mitologica: è infatti nelle vicende arcaiche cantate dall’epica che il rapporto tra desiderio amoroso e distesa marina ha origine. Sospinti dalla corrente della passione, Paride ed Elena, Giasone e Medea, Teseo e Arianna – gli eroici amanti della tradizione – solcano le onde del mito per andare incontro al loro istinto d’amore, sprezzanti delle convenzioni sociali e dei legami matrimoniali o familiari. Questo loro folle navigare determinerà conseguenze fatali per sé e per chi sta loro intorno.

Travolti dai flutti sono anche i personaggi menzionati nella seconda parte del libro, tuffatori che nuotano in un eros burrascoso: dai naufragi di Odisseo, leniti dalle balsamiche cure delle sue donne, alla tragica vicenda di Ero e Leandro, rievocata nell’Ottocento dall’impresa di Byron, il quale volle dimostrare la plausibilità dell’avventura marina del ragazzo del mito, il quale attraversava a nuoto lo stretto dei Dardanelli per raggiungere ogni notte l’amata e farla sua; una sera d’inverno, il vento spense la torcia che Ero teneva accesa e Leandro, smarrito l’orientamento, morì annegato. La fortuna del racconto virgiliano e, ancor più, di quello ovidiano arriva, per mezzo del teatro di Marlowe, a contaminare addirittura il cinema americano contemporaneo.

Il saggio di Ieranò non manca di stupire il lettore con continui riferimenti alla modernità, con incursioni nelle arti e nelle discipline più varie, a dimostrazione della vitalità del tema in una pluralità di linguaggi. Se il mare ribolle purpureo nelle parole di Omero, la Clitemnestra eschilea sontuosamente proclama: “Esiste il mare, chi potrà mai asciugarlo? E nutre continuamente il succo inesausto, che sempre si rinnova, di porpora preziosa come argento”. Ma è nei versi novecenteschi di che si compie il lascito di un tale studio: “Qui terminano le opere del mare, le opere dell’amore. / Quanti vivranno un giorno qui dove noi terminiamo, / se mai accadrà che nella loro memoria il sangue nereggi e trabocchi, / non si dimentichino di noi, anime senza vigore fra i fiori di asfodelo, / e volgano verso l’Erebo il capo delle vittime sacrificali. / E noi, che non abbiamo avuto nulla, insegneremo loro la quiete”.

Agli amanti infelici giunga dunque l’invocata quiete, la bonaccia che talvolta soffia nella direzione della poesia.

Ultime recensioni

Futuri alternativi nell’epoca dell’ansia di massa

La morte per suicidio di Mark Fisher (1968-2017) gettò nello sconforto migliaia di pensatori,...

All’inizio erano le fake news

All’inizio erano le fake news. All’inizio perché secondo Fabio Pagliari, neuroscienziato e ricercatore presso...

Nostra signora del Wi-Fi

Hedy Lamarr, nata Hedwig Kiesler, è una ragazzina dalla spiccata intelligenza  e mossa da...