15 Luglio, 2020

Ora et labora. Canto d’amore per l’Europa

, Il filo infinito, Feltrinelli, pp. 174, euro 15,00 stampa, euro 9,99 epub

San Benedetto da Norcia è il Santo Patrono d’Europa. Durante il terremoto del 2016, tra le macerie, la sua statua è rimasta intatta. Così la vede Rumiz, arrivando a piedi dagli Appennini, percorrendo da Amatrice la linea di faglia del sisma, per sentieri accesi dalle fioriture di aprile.

Cosa sta indicando San Benedetto, integro di fronte alla distruzione? È stato lui a salvare l’Europa dalla dissoluzione e dalle invasioni barbariche, con la Regola.

Ora et labora.

E chi altro poteva farlo, se non un uomo dell’Appennino, una terra che apre vortici e crea uomini capaci di rinascere. Prega, lavora e tieni lontana l’accidia. La letizia è un dovere, prima che un diritto. Nel silenzio e nella bellezza dei chiostri, taci, studia, costruisci.

Ma l’Europa si sta ancora disgregando. “Lì, in mezzo alle macerie di Norcia, vivevo una vertiginosa percezione della centralità dell’Italia e della sua colonna vertebrale. Se il mio Paese avesse perso l’Appennino, avrebbe perso se stesso. Per tre volte l’Europa era rinata da quelle montagne: con Roma, col monachesimo, col Rinascimento. Ma l’avevamo dimenticato”.

Si disegna il desiderio di un pellegrinaggio per quei luoghi di eccellenza religiosa, culturale ed economica che sono i monasteri. Ma da dove partire? Qualcuno gli risponde: “Lei deve capire che i benedettini non sono un ordine, ma un …disordine democratico. Come dire: siamo un sistema ramificato, dove ogni monastero è padrone di sé. L’opposto del Vaticano”.

Da Praglia in Veneto, verso Ottilien in Germania, dove incontra il prodigioso . Poi Viboldone in Lombardia, Muri Gries e Marienberg in Sud Tirolo, San Gallo in Svizzera, dove sulla biblioteca dell’abbazia c’è la scritta: PSICHE IATREION, la farmacia dell’anima. Cîteaux in Francia, dove si elogia il Silenzio, Saint Wandrille in Francia, dove si elogia il Buio, Orval in Belgio, Altötting e Niederalteich in Germania, Pannonhalma in Ungheria, dove il prete del monastero inveisce contro i migranti.

Poi Camerino e Fabriano nelle Marche, dove Rumiz incontra il camaldolese , pronipote dello scrittore. Il cerchio vuole chiudersi a Norcia, con le monache benedettine. Sono sfollate, ma la badessa ogni giorno torna nel monastero crollato, per accudire l’orto e le api. Il demone è la burocrazia, un altro tipo di sisma, che divide e paralizza.  Infine San Giorgio Maggiore in Veneto, dove Rumiz rivede Norberto, l’abate di Praglia. “Caro Paolo, viviamo momenti bui. Il soffio dello spirito è presente in ogni uomo, ma la cultura dominante si accanisce proprio su questa sua dimensione spirituale. La ridicolizza. Disattiva la nostra bussola, ci toglie l’orientamento. E ora, senza una dimensione spirituale, anche la politica e l’economia impazziscono”.

Il libro è un magnifico canto d’amore nei confronti dell’Europa, della sua antica storia di mescolanza e accoglienza, scritto da chi Europa la conosce molto bene, anche nei suoi luoghi più dimenticati e offesi. Colmo di riflessioni importanti, e poesia. Infine, un invito.

“Non importa quanti gomitoli, quanta pazienza e quanto ostinato lavoro serviranno per smuovere il potere e abbattere le ruspe dell’intolleranza. È tempo di dire forte che L’Europa è un’anomalia che intralcia assolutismi, mafie, fondamentalismi, e le economie di rapina che saccheggiano il Pianeta. Si dica che, di fronte a tutto questo, dividersi è follia […]. Non possiamo permettere che il nostro mondo si sottometta ancora al delirio nazionalista e suprematista. La nostra dea madre feniciadi nome Europa, che per prima attraversò il Mediterraneo con paura, ci ricorda che siamo sempre stati capolinea di popoli migranti, e ci spinge a sciogliere altre matasse e a tendere altri fili, in un gesto d’amore e disobbedienza civile”.

 

Ultime recensioni

Una storia di omicidi

Ci sono molti modi per indagare e riflettere sulla società e sulla contemporaneità. Pietro...

Quando un ponte crolla

Sono le 11.36 del 14 agosto 2018 quando un boato incredibile sovrasta Genova. Il...

Le cronache di Holt

Per gli amanti di Kent Haruf non sono necessarie introduzioni su questo autore, molto...