23 Ottobre, 2021

Sophie Lambda / Amore malato

Sophie Lambda, L’amore non basta! Come sono sopravvissuta a un manipolatore, tr. V. Maini, ill. dell’autrice, Laterza, pp. 295, euro 20,00 stampa, euro 11,99 epub

Se avete incontrato persone sbagliate, se avete affrontato relazioni tossiche e se vi siete interrogati su possibili passi falsi, questo è il fumetto che fa per voi. La giovane autrice Sophie Lambda ha raccolto e raccontato la sua personale esperienza in quello che in Francia è subito diventato un bestseller. Quando Sophie incontra Marcus è amore a prima vista e tra i due scatta subito la scintilla. La loro storia è pura passione, è perfezione, è tutto ciò che ciascuno di noi vorrebbe da una relazione. Ovviamente non è tutto oro ciò che luccica e Marcus non è privo di imperfezioni, così quando inizia a mentire e a dar spazio alla propria volubilità, le certezze di Sophie crollano.

Marcus appartiene alla categoria dei manipolatori, è subdolo e per lui tutto è finalizzato al proprio benessere, non importa se le conseguenze comportano lo spezzare cuori e la sofferenza altrui. Dopotutto, crede, il fine giustifica i mezzi. Quando Sophie capisce la situazione è troppo tardi, ormai è coinvolta, è innamorata e si vede costretta a ricorrere all’aiuto della psicanalisi. I manipolatori, si sa, spingono al limite le persone costringendoli sul bordo della voragine con estremi tira e molla, consci che comunque verranno sempre perdonati e giustificati.

Dobbiamo però sottolineare una distinzione tra narcisista perverso, sociopatico/psicopatico e vampiro emotivo. Mentre il primo arriva alla costruzione del disturbo attraverso un trauma, una carenza affettiva o altro, il secondo lo è dalla nascita. I vampiri emotivi invece non provano piacere nel ferire gli altri, come i narcisisti che invece ne godono o i sociopatici che restano indifferenti. I narcisisti evitano la messa in discussione di fronte a un problema, alle difficoltà, così entrando in un ciclico ripresentarsi dell’ostacolo (schema chiamato pattern). I manipolatori sono totalmente impermeabili a qualsiasi messa in discussione, e restano invischiati nei propri pattern senza possibilità di liberarsene.

Il superamento è un percorso interiore e soggettivo ma è l’unica via per innescare un reale cambiamento nella propria vita. Sophie è riuscita a superare questa traumatica esperienza grazie all’aiuto della terapia ma non senza gli strascichi di una situazione logorante. Ora è tornata quella ragazza positiva, solare e fiduciosa di un tempo: realizzando questa graphic novel ha voluto lanciare un appello a tutti coloro che si imbarcano in una relazione che annuncia, a ben vedere, già alcuni inequivocabili campanelli d’allarme.