27 Ottobre, 2020

TAG:

La lunga marcia, di Stephen King (1979)

Una scrittura apparentemente classica che mescola , distopica, caratterizzazione attenta dei personaggi, ricostruzione maniacale dei luoghi (seguite il percorso dei marciatori su una mappa del Maine e ve ne renderete conto), e una straordinaria sensibilità alle dinamiche sociali che agitano gli . In due parole, . A tutti gli effetti lo vediamo già manifestarsi in questo scritto sul finire dell'adolescenza, un libro che suona potentemente radicato nel suo tempo e al tempo stesso capace di restituirci qualcosa del presente.