27 Gennaio, 2021

Fabio Malagnini

38 ARTICOLI

Neotenia della razza umana

Parlare di pratiche umane in relazione alla storia naturale...

Un sano ritorno all’odio di classe?

Dimenticare Foucault (sì, di nuovo). E assieme a lui...

Viaggio nell’immaginario di un miliardo e mezzo di umani

Per Amitav Ghosh (La grande cecità, Neri Pozza, 2017),...

Oggetti impossibili che non possiamo non desiderare

“Un diario di viaggio, un tentativo di mappare i...

Storie dall’habitat neoliberale

‘Il capitalismo della sorveglianza’ (CdS) è fondamentalmente un libro...

Il paradosso del pluralismo

Da un lato le nuove tecnologie della comunicazione, nel...

Intervista a Sam J. Miller

Sam J. Miller è un giovane scrittore newyorkese, ex...

Intervista a Zhang Ran

A 38 anni Zhang Ran (张冉) si iscrive a...

L’incubo del potere, genere e razza riprodotti nel futuro

Vincitore del John W. Campbell Award come miglior novel dello scorso anno, e nominato per i premi Nebula e Lotus, La città dell’orca (Blackfish City) è un romanzo rivelazione sulla struttura olistica del potere e sui privilegi di classe, genere e razza riprodotti in una società del futuro interamente dominata dalla narrazione della catastrofe e della sopravvivenza.