7 Agosto, 2020

TAG:

Il mondo, un catalogo

prima di tutto ha voce interna alla...

Una visita nella dimora della poesia

Nulla di ordinario su Wislawa Szymborska di ...

Michael Ende in versi

“E ti chiedi perché ce lo dimentichiamo, perché non ci...

Memoriale sotto le stelle

Le madri hanno abitato il Novecento, il secolo a...

“L’adulto coltello che sbucciò l’evidenza dal niente”

“Morire, come vorresti? Fare ponte al passaggio. / Non...

Nudo e misero trionfi l’umano

pubblicò Sigillo nel 1989 con Crocetti. Nessuna...

Poeti s/tradotti – Poeti stranieri non tradotti. Sheenagh Pugh

“La odio così tanto!”, dice l’autrice di questa poesia. Per molte ragioni. Perché viene spesso citata, nonostante l’autrice raccomandi di non usarla - è dedicata a un amico che lotta contro la dipendenza dalla cocaina, non destinata alla pubblicazione. Perchè comunque prega di non menzionare il suo nome, ma nessuno le presta ascolto. Perché molti la leggono in modo sbagliato, in senso troppo banalmente ottimistico. Perché è scritta in un linguaggio piatto e semplice, che non riflette lo stile di molte altre sue poesie, in cui “l’uso del linguaggio è semplicemente molto più interessante e immaginativo”.

La poesia non ha (non dovrebbe avere) dubbi

Cosa è la poesia. Le condizioni di quella che...

Eden, o del possibile

In poesia l’età arcaica spesso viene tralasciata in favore...