14 Luglio, 2020

Un amico molto particolare

, Il piccolo serpente, tr. Silvia Montis, Edizioni E/O, pp. 168, euro 14,50 stampa 

Lanmo è l’amico che ognuno di noi vorrebbe sempre accanto a sé. Chi è Lanmo? È uno straordinario serpente, il piccolo serpente del titolo, che un giorno all’improvviso si presenta al cospetto di Mary. Sullo sfondo uno scenario fantastico e impreciso quanto mai attuale, fatto di scomode verità nascoste dietro a metafore che offrono continui spunti di riflessione.

In questa triste e vuota città vive Mary, la bambina protagonista, assieme ai suoi genitori, in un angusto palazzo, in un minuscolo appartamentino con un fazzolettino di verde. Mentre i più ricchi accumulano ricchezze su ricchezze a discapito dei più umili, nei loro immensi palazzi pieni di fontane che non guardano, di piscine in cui non nuotano e di giardini che non si godono, Lanmo impara nuove nozioni sull’amore, sull’amicizia e sugli esseri umani.

Mary inizia ad affezionarsi al piccolo serpente, chiacchiera dopo chiacchiera, e Lanmo, sebbene sia sulla terra da migliaia di anni invisibile agli occhi di tutti, studia le persone, ne legge l’animo con la lingua biforcuta, riesce a scorgere i segreti nel profondo e comprende la sincerità di questa bambina così speciale. Talmente speciale che seguendola a scuola ne rivendica l’onore dopo uno sgarbo fatto da un gruppo di coetanee, e per un eccesso di bontà Mary corre in difesa di quelle stesse bambine quando per errore una minima – fortunatamente! – quantità di veleno la colpisce facendola svenire. Il senso di colpa per il gesto compiuto getta Lanmo nello sconforto più totale costringendolo a un allontanamento per concentrarsi completamente sulla sua missione che è quella di incontrare umani in fin di vita e accompagnarli nell’aldilà.

Lanmo aveva finalmente trovato qualcuno che lo facesse stare bene ed è difficile amare quel qualcuno, vederlo soffrire e doverlo salutare per un lungo periodo. Trascorrono due lunghi anni in cui Mary si sente sola e abbandonata da quel suo strano amico, ma lei è cresciuta, è cambiata e quando Lanmo si ripresenta alla sua porta è per suggerirle una via di fuga da quel posto diventato per quanto possibile ancora più orribile.

Al finale ci si arriva in fretta, con tanti sorrisi e qualche lacrima. Un romanzo incredibilmente commovente e delicato su tutte le sfumature dell’amicizia e dell’amore che sa essere terribile e al contempo estremamente immenso. L’ispirazione a Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry è tangibile, come è tangibile la dolcezza di queste incantevoli pagine destinate a rimanere.

L’autrice, Alison Louise Kennedy, classe 1965, attualmente vive a Glasgow dove scrive per vari giornali britannici ed è conosciuta e apprezzata per il suo stile dark mixato con del realismo e un po’ di . In Italia ha pubblicato con Minimum Fax diversi titoli come Stati di grazia (2006), Gesti indelebili (2006), Day (2008), Geometria notturna (2009). Nel 2015 è uscito Il libro blu per Bompiani, ma dovremo aspettare altri quattro anni per leggere un nuovo romanzo di questa scrittrice così talentuosa.

Ultime recensioni

Quando un ponte crolla

Sono le 11.36 del 14 agosto 2018 quando un boato incredibile sovrasta Genova. Il...

Le cronache di Holt

Per gli amanti di Kent Haruf non sono necessarie introduzioni su questo autore, molto...

L’origine del mondo

Felice titolo, Saffo ritrovata. Felice per chi, già conoscendola, può ancora procedere nell’incandescenza tenace,...