28 Settembre, 2020

Anche il Polo ha un’Anima

Christelle Dabos, Fidanzati dell’inverno – L’Attraversaspecchi Libro 1, tr. Alberto Bracci Testasecca, Edizioni e/o, pp 505, euro 16,00 stampa, euro 12,99 eBook

La casa editrice E/O ha esordito lo scorso aprile con il primo capitolo di una , affidando quest’arduo compito ad un’autrice francese, Christelle Dabos, nata a Cannes nel 1980, al suo primo , ottenendo riscontri decisamente positivi. In Francia è stato subito un caso letterario mentre in Italia si leggono solo recensioni entusiaste. Non sarò certo io ad interrompere questa catena di successi; del resto è impossibile, perchè questo primo libro, nonostante la mole non si presti alla portabilità né alla lettura in spiaggia, è decisamente valido.

Esperimento riuscito dunque, copertina meravigliosamente accattivante, anche il titolo strizza l’occhio all’”Alice attraverso lo specchio” di Lewis Carroll. Un mix ben congegnato di tante piccole parti riconducibili a generi commercialmente più appetibili, un puzzle che vede pezzi di Matrix, una punta di barocco e rococò portati all’eccesso, e la protagonista che richiama la sbadataggine di Isabella Swan, la Bella di Twilight (S. Meyer, Fazi editore) e al contempo di Lucinda Price, la Luce di Fallen (L. Kate, Rizzoli).

La Dabos ha creato un mondo fantastico i cui popoli vivono su Arche fluttuanti, ciascuna con regole proprie. Sull’Arca Anima vive la giovane Ofelia che ha il dono di “leggere” il passato degli oggetti che tocca, e la capacità di attraversare col proprio corpo gli specchi. Dalle Decane della sua famiglia viene promessa in sposa al nobile Thorn che vive su un’altra Arca, Polo, con la sua Città-Cielo, decisamente più lontana e dal clima ostile. Il ragazzo appartiene al clan dei Draghi, impegnati in una lotta contro il clan rivale dei Miraggi. Tutto gira intorno alla “cerimonia del dono” che oltre a consacrare il sacro vincolo del matrimonio tra i due giovani, prevede lo scambio di poteri fra entrambi, e all’interpretazione di un libro misterioso, il Libro dei Draghi. Ofelia scoprirà presto che su Polo non bisogna fidarsi di nessuno se si vuole sopravvivere, e che il potere della famiglia del fidanzato è tanto forte quanto invisibile.

Tra illusioni, complotti segreti e morti, la reale motivazione della presenza di Ofelia a Città-Cielo viene in superficie solo nelle pagine finali, quando il lettore viene accompagnato al cospetto del sire Faruk, il temuto spirito di famiglia dei Draghi.

Insomma cinquecento pagine che volano e fanno sognare ad occhi aperti, in attesa del secondo capitolo di questa , che ha tutte le carte in regola per entrare nel cuore delle adolescenti.

https://www.edizionieo.it

Ultime recensioni

Terroriste dalla pelle nera

è una delle fondatrici del movimento . Oggi ha 36...

Le poesie (forse) cambiano il mondo

Il teatro terrestre di ritorna col suo pulsare intenso ma controllato, padrone...

La questione dello stile

“Il western inizia sempre dal suono degli zoccoli” Lo dice Mr. C, regista di...