18 Aprile, 2021

Isabella Bignozzi

12 ARTICOLI

La verità di Ezio Sinigaglia sull’amore

È un manuale d’amore variopinto e celeste quello che...

Daniele Petruccioli. Nell’emotività dell’abitare

Javier Cercas nel suo saggio Il punto cieco ci...

Viola Lo Moro. Il fuoco a sfida del buio

È un paesaggio di assonanze e discromie, di languori...

Simmetrie dell’inatteso. “Binari” di Monica Pezzella

Martin Amis nel romanzo L’informazione ci parla della dialettica...

Trauma e memoria: l’immagine come narrazione individuale e collettiva in Austerlitz di W.G. Sebald

Winfried Georg Sebald, originario della Baviera, migrò definitivamente in...

Cvetaeva e La principessa guerriera: il Sole, la Luna, l’Oracolo

“Ai miei versi scritti così presto che nemmeno sapevo d’esser...

Il principe e l’isola azzurra: Steven Price racconta Tomasi di Lampedusa

 “Di Lampedusa era principe ma, come tutti i principi...

Valentina Di Cesare e la tragicomicità di Bartolo il puro

Esistono narrazioni brevi, siano essi categorizzati romanzi come Il...

Faulkner, Luce d’agosto e la rapsodia del grande sud

“Seduta sul bordo della strada, guardando il carro che...

Sorella di mezzo e il lattaio a Belfast

Milkman è un libro delicato, atroce, dolcissimo; è un testo in cui la complessità si stempera ben presto in una partecipazione intensa a qualcosa di straordinariamente univoco e forte. Anna Burns ha scritto di realtà difficili, poliedriche, complesse, con un lessico e un fraseggiare ingarbugliato, multiforme, dando infinite sfumature di senso, e sensazioni emotive intense. La traduzione è leale, ma libera in spirito, e ci restituisce immagini potenti, piene, a tratti maestose; con la precisione di un matematico, ha saputo trovare la chiave di un messaggio cifrato, e rivelarcelo; e ha saputo farlo magistralmente.