5 Aprile, 2020

Tag: postmodernismo

V come Vladimir

Il DNA non basta

Dal nostro archivio

Il mistero di Alberto Sordi

Alberto Anile, Sordi segreto. Riflessioni, scoperte, materiale dall’archivio personale dell’attore "Il mistero e il capolavoro di Sordi sta proprio qui: di essere amato per il coraggio di aver incarnato l’opacità morale dell’italiano."

Intervista con Aldo Giannuli: Ricordare Piazza Fontana, 12 Dicembre 1969

Alle 16:37 del 12 dicembre 1969 una bomba esplose nell'agenzia della Banca Nazionale dell'Agricoltura di Piazza Fontana a Milano. 17 morti e numerosi feriti il bilancio; e l'inizio di quella che venne definita strategia della tensione. Un evento che è entrato non solo nella nostra memoria collettiva, ma nel nostro immaginario, raffigurato in romanzi, film, serie televisive, fumetti. Ci è sembrato giusto ricordare quel tragico avvenimento, e tutto quel che ne seguì, con un'intervista a uno dei più importanti studiosi del terrorismo degli anni Settanta, Aldo Giannuli.

Che la memoria non vada smarrita: la lezione di Corrado Stajano

Corrado Stajano, Il sovversivo. Vita e morte dell’anarchico Serantini, Il Saggiatore. Recensione di Giuseppe Costigliola. “La sera del 5 maggio 1972 nulla servì a salvare dalla furia della polizia, fra la bottega del vinaio e quella del tappezziere, un giovane non alto, ricciuto, gli occhiali da miope, il viso serio e sofferto. Franco Serantini, di vent’anni, sardo, anarchico, figlio di nessuno nella vita come nella morte.”

Favole in Boosta

Davide Dileo, meglio conosciuto come Boosta. Un uomo simile alla borsa senza fondo di Mary Poppins, stracolma di oggetti. Il mondo scarseggia di veri talenti, quando se ne incontra un esemplare bisogna prestare attenzione, ai dettagli, agli indizi e alle piste su cui ci conduce.

Di cosa è fatta la lingua della traduzione

Michele Sisto, Traiettorie. Studi sulla letteratura tradotta in Italia. "Di che cosa sono fatte le letterature nazionali, di che cosa è fatta la letteratura italiana? Il canone sembra chiaro, ma è davvero così? Spesso le lingue nazionali sono più di una, in Italia come altrove (dialetti, idioletti, minoranze linguistiche e così via), e anche l’italiano è tutt’altro che uno. Inoltre esiste anche “un altro corpus molto vasto, anch’esso in lingua italiana: la letteratura tradotta”.

Speciale Stranimondi

ajax-loader