23 Febbraio, 2020

Tag: Elio Vittorini

Dal nostro archivio

Sul far della sera

25 Dicembre 2017 Andre Dubus, Un’ultima inutile serata, tr. Nicola Manuppelli, Mattioli 1885, pp. 275, euro 18,00 stampa Un’ultima inutile serata è la settima antologia di Dubus...

Destini americani

Rachel Kushner, Mars Room, Einaudi. Recensione di Roberto Sturm. Il primo microcosmo che replica la società statunitense, amplificandone le brutture, è il Mars Room, un locale di lap dance dove la protagonista, Romy Hall, lavora per anni come spogliarellista. Qui conosce Kurt Kennedy, che la affitta per farle svolgere il ruolo di fidanzata. Presto l’uomo sembra non distinguere più la finzione dalla realtà, ossessionando la donna con improvvise apparizioni e telefonate notturne. Romy, per sfuggirgli, si trasferisce da San Francisco a Los Angeles, e quando lui bussa alla sua porta di casa lo uccide.

Due storie di Severini

Gilberto Severini, Consumazioni al tavolo/Sentiamoci qualche volta. "Personaggio schivo e poco amante della mondanità Giuseppe Severini, in tutte le sue opere non ha mai fatto niente per compiacere i lettori. Il pubblico – ha affermato – può essere pericoloso nel momento in cui si comincia a dipendere da esso: si rischia di dire e fare cose stupide per accontentarlo".

Come erano

Raffaele La Capria, Ai dolci amici addio. "Ogni ritratto raccolto in Ai dolci amici addio viene collocato nella sua giusta durata, per questo al di là dei momenti di forte emozione si colgono le vivacità degli anni attraversati, e tutta la ricchezza di un’Italia novecentesca dove la modernità stava nella perfetta aria del tempo, che allora era ben altro degli attuali sciamanti processi del digitale."

Il laboratorio è ancora eretico

Ogni 2 novembre, da più di quarant’anni, torna a fare capolino lo “scandalo Pasolini”, fissato, con ogni probabilità, in modo indelebile nella storia culturale...

Speciale Stranimondi