22 Ottobre, 2021

TAG: jazz

Intervista a Pietro Leveratto

Lei è un musicista apprezzato e un docente di...

L’esordio narrativo di un jazzista

Trovarsi davanti a un romanzo d’esordio procura sempre una...

Ferdinando Fasce. Un saggio di metodo a partire dai Beatles

Ferdinando Fasce non sa né leggere né suonare la...

Woody Allen? Dove eravamo rimasti?

Avete presente un tipico film di Woody Allen? Trama...

Il Canone Beat. I’m talking about my Beat Generation

Allen Ginsberg, Le migliori menti della mia generazione. Lezioni sulla Beat Generation, "Herbert Huncke, un amico di William Burroughs ebbe un ruolo determinante nello sviluppo della filosofia Beat. Con il suo tipico linguaggio da tossico, Huncke continuava a ripetere “I’m beat”, che significava “sono rimasto senza soldi, sono rimasto senza droga, sono a terra, sono a pezzi, sono finito, fatto, sconvolto”, e a furia di ripetere questa espressione, i suoi amici più acculturati decisero di adottare quel termine per denominare il movimento culturale e spirituale di cui erano portatori".

Vite brevi, vite americane

Ho voluto accoppiare questi due fumetti perché appartengono entrambi a un genere che ultimamente sta letteralmente dilagando, quello delle biografie narrate con parole e immagini sequenziali; basti pensare alle numerose proposte della casa editrice Becco Giallo per rendersi conto di quanto spesso la vita di personaggi famosi per le ragioni più disparate venga inquadrata in vignette e raccontata in didascalie.