2 Aprile, 2020

Tag: Danilo Arona

Scrittori Stran

Giochi di specchi

Frankensteiniana

Il DNA non basta

Dal nostro archivio

Notizie da un posto di vacanza

Silvia Sereni, figlia di Vittorio, poeta novecentesco e direttore editoriale di Mondadori per molti anni, ha raccolto in Un mondo migliore ricordi, storie, vezzi...

Il Canone Beat. I’m talking about my Beat Generation

Allen Ginsberg, Le migliori menti della mia generazione. Lezioni sulla Beat Generation, "Herbert Huncke, un amico di William Burroughs ebbe un ruolo determinante nello sviluppo della filosofia Beat. Con il suo tipico linguaggio da tossico, Huncke continuava a ripetere “I’m beat”, che significava “sono rimasto senza soldi, sono rimasto senza droga, sono a terra, sono a pezzi, sono finito, fatto, sconvolto”, e a furia di ripetere questa espressione, i suoi amici più acculturati decisero di adottare quel termine per denominare il movimento culturale e spirituale di cui erano portatori".

Un sano ritorno all’odio di classe?

Dimenticare Foucault (sì, di nuovo). E assieme a lui Butler, Negri, Latour, Guattari. Per Maurizio Lazzarato la Sinistra del post ‘68 si è pacificata...

Filosofia dell’orrore e orrore della filosofia

Eugene Thacker, Tra le ceneri di questo pianeta, tr. Claudio Kulesko, Nero Editions, In un mondo sempre più impensabile, Thacker distingue tra il mondo-per-noi, mondo che interpretiamo, a cui ci relazioniamo e di cui facciamo parte; il mondo-in-sé, il mondo dato, che cessa di essere tale e diventa mondo-per-noi nel momento stesso in cui tentiamo di comprenderlo in termini umani; e lo ‘spettrale e speculativo’ mondo-senza-di-noi, la sottrazione dell’umano dal mondo, la cui unica possibile enunciazione è data nell’horror soprannaturale e nella fantascienza.

“Prendere il sussidio e avere figli nello stesso tempo era un lavoro”

Lucy van Alstyne ha diciotto anni e un figlio di nove mesi. Chi potrebbe essere il padre proprio non lo sa. Eppure sono trascorsi...

Speciale Stranimondi

ajax-loader