4 Dicembre, 2020

TAG: Adelphi Editore

Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose

1925: un ragazzo di 23 anni si ritira da...

Tocca al lettore indovinare. Intervista a Carlo Ginzburg

Abbiamo proposto alcune domande a Carlo Ginzburg sul suo...

La magia e i triangoli amorosi

Prosegue l’opera di ristampa del catalogo di William Somerset...

Pensieri selvaggi a Los Angeles

Chiediamoci se una specie di Day After digitale sia...

Faulkner, Luce d’agosto e la rapsodia del grande sud

“Seduta sul bordo della strada, guardando il carro che...

Microgrammi Adelphi. Racconti in digitale

Covid-19 suonava nei primi giorni come uno dei tanti...

Sotto lo sguardo degli dèi

“Osborne però non si è mai reso prigioniero dell’esotismo...

Invasione!

Forme di vita. Batteri, virus, vertebrati, il grande mosaico...

Dove le mappe non esistono più

Lawrence Osborne, La ballata di un piccolo giocatore. "Qui non c’è più la guerra indocinese, ma il demone Kurtz continua la sua nefasta azione tra l’esoterico e il sanguinolento commercio. Non sorprenda, siamo ancora nel labirintico Oriente, basta sostituire le foreste del delta del Mekong con le ballardiane foreste di cristallo del terzo millennio. E i guai lo, i Westerners, gli occidentali, come sono definiti dai cantonesi gli europei finiti lì, spesso si trovano inguaiati in traffici sconosciuti o, come in questo caso, in azzardi disastrosi per l’eventuale malloppo arraffato in patria."